tiramisù Knam

Storia del mio tiramisù: da mamma Chiara ad Ernst Knam

#evoluto

Come passavo il tempo in primavera quando ero bambino?

Facendo il tiramisù con mia mamma Chiara.

Non so perché proprio in primavera, e specialmente di domenica, ma è un ricordo che sa di margherite di campo e di primi tepori, di pomeriggi in cui non c’era ancora internet e nulla di interessante alla tv.

Abbiamo sempre preferito cucinare, specie mia mamma.

Era il momento di rispolverare il ricettario a fiorellini e preparare un dolce che spesso era il tiramisù. Una tonnellata di tiramisù.

Come dimenticare la teglia più gigantesca che io avessi mai visto, e la preparazione minuziosa di tutti gli ingredienti prima della composizione. Mia mamma Chiara montava la crema al mascarpone che univa piano piano ai bianchi d’uovo e alla panna montata in precedenza, e una moka 12 tazze di caffè decaffeinato così che anch’io potessi mangiare tutto il tiramisù che volevo.

La sua ricetta prevedeva i savoiardi. La aiutavo ad inzupparli nel caffè, ma senza farli ammorbidire troppo, anzi forse non abbastanza. Li sistemavo con cura uno accanto all’altro per poi ricoprirli di crema soffice, poco gialla perché l’aggiunta della panna attenuava la prepotenza dei tuorli.

Avevo più o meno 6 anni ed era come mangiare una nuvola e fu la conferma che già apprezzavo il sapore del caffè, eccome!

La ricetta del tiramisù di mia mamma in giro per il mondo

Diventato adolescente ho preso le redini della preparazione sotto l’occhio vigile di mia madre.

Sono diventato il braccio e lei la mente che seguiva ogni singolo passo.

Il risultato era comunque buonissimo, talmente buono che mio papà si svegliava in piena notte in preda alla voglia di mangiarlo direttamente dal frigo.

Ci svegliavamo al mattino e ritrovavamo quel che restava dell’attacco nel buio.

Poi sono andato via di casa e lì la sua guida è rimasta tutta nella mia testa. Era arrivato il momento di fare da solo e sono riuscito a ricrearlo nelle situazioni più disparate. L’ho preparato a Singapore anche se non avevo le fruste elettriche, l’ho rifatto in Inghilterra anche se il caffè faceva schifo, l’ho realizzato una volta solo per farlo fotografare da una blogger. Ho imparato a farlo ad occhio, senza neppure più misurare gli ingredienti. Avevo capito che 250gr di mascarpone equivalevano a circa 4 cucchiai di zucchero e 2 uova, una ratio che non potevo sgarrare.

Ho continuato ad usare i savoiardi, soprattutto quando quell’unica volta che l’ho fatto con i Pavesini…diciamo che ancora me ne pento.

Non ho mai smesso di fare il tiramisù almeno una volta all’anno, cascasse il mondo.

tiramisù di Ernst Knam ricetta

Infine arrivò la ricetta del tiramisù di Knam

Poi è arrivata la svolta gourmet. E l’addio ai savoiardi.

Una scelta gluten free, perché urgeva trovarne una nei pranzi in cui gli intolleranti al glutine sono diventati sempre più numerosi.

Ho iniziato a scegliere solo ingredienti di alta qualità, il mascarpone fresco sfuso comprato al banco dei latticini, il cacao amaro in polvere Pernigotti, le uova del contadino.

Avevo visto tempo prima la videoricetta di Ernst Knam per Italia Squisita, ho preso coraggio e ho emulato la sua marquise, un pan di spagna sottile al cacao che può sostituire (anzi, migliorare) il risultato ottenuto con i savoiardi. La realizzazione della marquise è di una semplicità disarmante, come potete notare voi stessi cliccando sul video qui sotto (che mostra ben 3 versioni del tiramisù di Knam!).

Ed è così che l’allievo supera il maestro, come desidera ogni buon insegnante, figuriamoci mia mamma che è sia madre che maestra!

Ad oggi è bellissimo vederla leccarsi i baffi tutte le volte che le preparo il nostro tiramisù di Knam rivisitato, figlio di quello che realizzavamo insieme.

Ti è piaciuto il nostro articolo?

Lasciaci un commento e seguici sui social!

Default image
Simone Franco
Fondatore e autore, #ex schizzinoso
Articles: 13

One comment

  1. Sono fiera di confermare ogni parola e felicissima ogni volta che mio figlio Simone prepara la sua versione di Tiramisù, veramente fantastica.
    Posso dire che ha imparato bene e anzi ora preferisco che nelle occasioni importanti lo prepari lui, nella sua superlativa versione gourmet ❤️

Leave a Reply